+39 06 622 80 320 [email protected]

LE (CATTIVE) PREMESSE DEI RINNOVI CONTRATTUALI PER I LAVORATORI STATALI: SI PUO’ SPERARE IN UN CAMBIO DI ROTTA?

L’inarrestabile corsa al rialzo dei tassi di inflazione rende più che mai centrale il tema della difesa del potere d’acquisto delle famiglie italiane. Per quanto riguarda lo stanziamento di risorse per il rinnovo dei contratti dei lavoratori statali, il neo insediato Governo Meloni eredita le dotazioni stabilite nella Legge 234/2021, la cd legge di bilancio 2022, ovvero 310 milioni…

Leggi di più →

LA GUERRA DEL PETROLIO

La decisione dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) di tagliare la produzione di 2 milioni di barili al giorno si scaglia come un fulmine a ciel sereno nella già complessa situazione energetica globale. Secondo i dati della multinazionale petrolifera inglese BP riferiti al 2021, l’OPEC con la sua produzione di 31,7 milioni di barili al giorno rappresenta il…

Leggi di più →

LA CRISI ENERGETICA E’ IL FALLIMENTO DELLE POLITICHE UE

Il protrarsi della crisi del settore energetico ­­– le cui cause sono state oggetto di un precedente approfondimento di questo Centro Studi – non solo ha messo a nudo gli errori e la mancanza di visione delle politiche di Italia ed UE degli ultimi decenni, ma l’assenza di azioni decise ed incisive condannerà l’intero continente alla peggiore crisi economica…

Leggi di più →

COME IL BUONO PASTO AI CARABINIERI PUO’ CONTRASTARE L’AUMENTO DEL COSTO DEI BENI ALIMENTARI

Gli aumenti dei prezzi dei generi alimentari si ripercuotono negativamente sulla qualità del vitto dei Carabinieri. Per prassi, i contratti per il servizio di catering, nonché le convenzioni con gli esercizi di ristorazione sul territorio nazionale, sono stipulati prima che inizi l’anno e pertanto non sono coerenti con l’attuale aumento dell’inflazione e non considerano l’attuale crisi dei beni alimentari…

Leggi di più →

INFLAZIONE E CRISI ECONOMICA. COME L’INDICIZZAZIONE DEI SALARI PUO’ RISOLLEVARE L’ITALIA

Dal 1° luglio lo stipendio di 5,7 milioni di dipendenti pubblici francesi è stato aumentato del 3,5% per fronteggiare il costante aumento dell’inflazione. Tale misura, sebbene non appaia sufficiente a pareggiare il caro vita, indica chiaramente che il Governo transalpino è consapevole che l’aumento dei prezzi non è un fenomeno passeggero e quindi mette in campo misure straordinarie per…

Leggi di più →

SALARIO MINIMO: INPUT ALLA CRESCITA DELLE RETRIBUZIONI O LIMBO PER LE NUOVE GENERAZIONI?

Su almeno una cosa la UE concorda: il salario minimo non è più procrastinabile. Le istituzioni europee hanno raggiunto un’intesa per individuare delle procedure comunitarie che adeguino i livelli di salario minimo in tutti i Paesi della UE. Si può dire, però, che il provvedimento già mostri delle debolezze. Nonostante le intenzioni della UE fossero virtuose e orientate alla…

Leggi di più →

L’ANDAMENTO DEI SALARI IN ITALIA, CRONACA DI UN DECLINO

A leggere il programma del Festival dell’Economia di Trento del 2022 tra green economy, transizione energetica, sviluppo sostenibile, digitalizzazione, PNRR e parità di genere sembra proprio che non ci sia stata l’occasione di parlare di quota salari italiani. Eppure analizzando i dati OCSE è piuttosto evidente che in Italia vi sia un grosso problema relativo alla retribuzione del lavoro,…

Leggi di più →

L’ALTRO CONFLITTO. L’UNIONE EUROPEA SARÀ LA GRANDE SCONFITTA DELLA GUERRA ECONOMICA.

Parallelamente alle operazioni militari in corso sul territorio ucraino, vi è un’altra “guerra” che si sta combattendo sul piano economico, commerciale e finanziario su scala globale. Questo scontro, che non si combatte con le armi e non offre immagini cruente e sanguinose da mostrare sui media, produrrà anch’esso danni e disperazione e colpirà, come ogni conflitto, i più deboli…

Leggi di più →

Il sostegno italiano all’Ucraina, tra l’accoglienza dei profughi e le aporie dell’aiuto militare.

La drammaticità del conflitto in atto tra Russia e Ucraina sta avendo ripercussioni sociali ed economiche che scuotono il vecchio continente e mettono sotto pressione le nazioni europee. Queste ultime, oltre alle conseguenze commerciali ed energetiche derivanti dalle sanzioni alla ex Unione Sovietica, devono fare i conti con l’opinione pubblica interna tutt’altro che favorevole all’invio di armi a Kiev;…

Leggi di più →